sabato 19 settembre 2015

Ascoltando Marco Buticchi

Ieri pomeriggio relax: caffè, chiacchiere sui libri e incontro alla libreria "Giunti", in centro a Verona, con lo scrittore Marco Buticchi. Confesso che, pur non essendo particolarmente amante di di Buticchi, ha attirato la mia simpatia e stima. Simpatia perché è un uomo piacevole, affatto altezzoso e per niente impostato, capace di lasciarsi guidare nel dialogo, da ciò che istintivamente si sente di dire. Certamente provo stima per questo scrittore per le sue analisi geo-politiche derivategli dagli studi storici che poi utilizza nei suoi romanzi. E' stato interessante ascoltare il suo punto di vista su Isis, immigrazione, Unione Europea e quant'altro
Gli incontri con gli autori di libri credo siano alquanto interessanti per poi immergersi in un testo o decidere di farlo. Credo dovrebbe essere un metodo insegnato a scuola. Sono convinto che, ascoltando quello che hanno da dire i narratori, si sia invogliati a leggere quello che hanno scritto.
Devo dire che, per un autore di tale portata, mi aspettavo un pubblico molto più numeroso. E mi è sorta spontanea una riflessione: tendiamo a rincorrere eventi fatti chissà dove e trascuriamo le risorse che ci stanno accanto. Noi tutti, io per primo, dovremmo porre maggiore attenzione alle occasioni preziose di casa nostra. Per una caccia al tesoro in terre lontane c'è sempre tempo.

Nessun commento:

Posta un commento