lunedì 29 dicembre 2014

Una scrittura femminile azzurro pallido (7)




Un libro ricevuto in dono contiene un messaggio. Sempre. Nulla di diretto, semplicemente si tratta di un significato celato che neppure il donatore conosce. Eppure se è vero che siamo ciò che leggiamo, questo significa che donando un libro regaliamo una parte di noi.
Questo libro di Franz Werfel, che ho scartato a Natale, credo contenga un invito a godere la scrittura pura, com'è quella mitteleuropea: cristallina, lucida, pura. Pura come l'acqua quasi potesse bastare a se stessa, senza orpelli, ma non priva di fascino. Werfel mi era sconosciuto. Amico di Kafka, è diventato amico anche mio per mezzo di una lettura ricevuta in dono: mistero tra i tanti che solo i lettori comprendono.

2 commenti: