lunedì 14 luglio 2014

Lucrezia Borgia (9-)

Sto preparando un corso di Biblioterapia che avrà per titolo "Donne della letteratura: scrittrici e personaggi femminili per comprendere la vita". Per questo passerò l'intera estate a leggere di donne e studiando scrittrici di ogni genere. Ho terminato "Lucrezia Borgia" di Maria Bellonci. Testo corposo, storicamente ineccepibile e preciso, scritto in una lingua quasi aulica che trasmette il senso del passato, ma anche la bellezza della narrazione quasi favoleggiante. Le seicento pagine scritte fittamente richiedono certamente in certo impegno. Eppure lo sforzo viene compensato. La conoscenza che ne deriva rimane scolpita nella mente, capace di evocare i sentimenti di una delle donne più conosciute e criticate della Storia. Ovviamente mi attende sul comodino "La figlia del Papa" di Dario Fo e sarà interessante fare un confronto. Ma nel frattempo altre donne mi attendono tra le pagine dei libri...

2 commenti:

  1. Sarà un piacere seguire il tuo corso. Seppur virtualmente…

    RispondiElimina
  2. Spero che riporterai qui sul blog qualche pillola del corso, perchè mi incuriosisce molto!
    Intanto, grazie del suggerimento, mi ha sempre affascinato la figura di Lucrezia Borgia e mi piacciono particolarmente i libri ambientati in quel periodo. E a proposito di "figlie di" hai compreso fra le tue letture anche "La figlia di Galileo"?

    RispondiElimina