giovedì 13 luglio 2017

Momenti di trascurabile felicità (8)




07/10/2013

Un momento di stanchezza e il bisogno, subito, di un libro. Ma quale libro? Mi sporgo con la mano e ne prendo uno, allungando il braccio come un rabdomante fa con la sua bacchetta alla ricerca d'acqua. Afferra un libercolo:  Momenti di trascurabile felicità di Francesco Piccolo. Non lo voglio. Apro svogliatamente le pagine. L'ho lasciato prima della metà non so quanto tempo fa e non so per quale motivo. Leggo qualche riga che mi conferma quello che so già: non è il libro che fa per me in questo momento. Vado avanti, ma vorrei posarlo. Aspetto ancora un po', magari si fa interessante. Comincio a leggere più velocemente e la concentrazione aumenta. Passo da un aneddoto all'altro, dove l'autore coglie e descrive attimi che, per quanto banali, generano sensazioni positive. Qualcosa di sensato lo trovo. Qualche sottolineatura e poi smetto. E poi...è finito...
Strano. Giuro che non mi piaceva. Eppure...
Misteri dei libri!

Nessun commento:

Posta un commento