lunedì 4 marzo 2013

Il valore dei capitoli




Sottovalutiamo spesso, nella scelta del libro, lo spessore quantitativo (la qualità la si può notare solo a lettura avviata) delle diverse parti. I neofiti del libro non possono capirlo, ma proprio a loro sarebbe utile notare come la lunghezza del capitolo possa influire sul ritmo della lettura. Non importa quanto sia lungo un tomo, i capitoli sono come boe nell'acqua: si deve passare da una all'altra ad ogni costo. E poi il desiderio di raggiungerne ancora una, e un'altra ancora, giurando a se stessi che quella sarebbe stata l'ultima e ritrovarsi poi a trasgredire se stessi. Capita anche con capitoli lunghi, ma in quel caso è necessario buon allenamento che spesso (ma non sempre) solo gli atleti della lettura possono percorrere. E pensare che c'è chi crede che la lettura non richieda movimento. Certo, non del corpo, ma di una parte di noi ben più importante (per molti, ma non per tutti...)

Nessun commento:

Posta un commento