lunedì 15 ottobre 2012

Il libro unisce o divide?




Se per me la risposta è scontata, non lo è altrettanto per molti altri. La lettura solitaria appare come una sorta di isolamento. Si dice che Dante si estraniasse durante la lettura di un libro a tal punto da non accorgersi cosa gli accadesse intorno, anche se i rumori erano forti o una festa attraente fosse in corso. Ma questo significa isolamento? Non dimentichiamo che chi legge apprende molte capacità di interazione umana superiori a molti non lettori. Ricordiamo che la lettura aiuta a sopportare la solitudine, ma certamente non la crea.

1 commento:

  1. Condivido il tuo punto di vista. Anche io provo le stesse sensazioni di Dante, ma lo stesso avviene quando si è in acqua (o sotto) e credo che non si possa proprio definirlo isolamento. E credo anche io che la lettura sviluppi doti relazionali di qualità!

    RispondiElimina