giovedì 18 ottobre 2012

Dateci penne o i terroristi metteranno in mano alla mia generazione armi




Tutti abbiamo sentito dell'agguato a Malala Yousufzai, la giovane pakistana che, attraverso il suo blog, ha dato voce al bisogno dei giovani di lottare contro le ingiustizie con la cultura, diritto reclamato anche per le donne. "Dateci penne o i terroristi metteranno in mano alla mia generazione armi" è lo slogan creato da Malala, certamente degno di un grande scrittore. E' il segno che spesso i giovani capiscono il cuore del problema molto meglio dei tanti adulti incapaci di dare risposte. Badiamo bene: non si tratta di avere tecnologia a disposizione, ma cultura vera. Malala scriveva in un blog internet lo poteva usare, eppure era altro che cercava. E noi?
A volte non ci rendiamo conto che nella nostra società civilizzata, dove il diritto all'istruzione esiste, tendiamo a sottovalutarne l'importanza, rinunciandovi in favore di maggiore tecnologia e divertimenti. E' per questo che l'importanza del messaggio di Malala va oltre i confini di quei Paesi dai diritti negati.

1 commento:

  1. Lo diffonderò a scuola, non si riflette mai abbastanza su quale grande possibilità sia l'istruzione e quante e quali porte apra la lettura. E non si considerano mai le conseguenze quando questa viene a mancare.

    RispondiElimina