lunedì 8 agosto 2016

Biblioteche senza frontiere

15/09/2012

Patrick Weil è un nome ai più sconosciuto. Ma credo non lo debba essere per noi appassionati di lettura. Weil è un professore universitario francese che ha fondato un'associazione sorprendente dal nome evocativo: Biblioteche senza frontiere. Il suo obiettivo è diffondere il libro come mezzo di democrazia e sviluppo di idee per uscire da condizioni di povertà e disagio. Qualche giorno fa ho messo un post su una biblioteca itinerante ad Haiti. Ebbene, anche quell'idea è stata sostenuta dall'associazione di Weil. Notizie su di lui scarseggiano in rete, ma alcune sue parole possono farcelo conoscere meglio:
Ho più volte avuto modo di constatare il ruolo giocato dai libri e dalle biblioteche nel successo degli studenti provenienti dagli ambienti più poveri. Ci sono così tanti uomini, donne, bambini che, se solo potessero accedere a dei libri, vedrebbero il loro avvenire trasformato. Un libro non si accontenta di trasmettere un sapere, di aprire all’altro, è anche uno strumento essenziale per l’esercizio dello spirito critico e dell’educazione alla democrazia. Il libro è infine, e deve esserlo sempre di più, un motore fondamentale dello sviluppo a lungo termine. Istallato in una biblioteca, passa di mano in mano e di generazione in generazione. 
Confesso: a me è già simpatico!!

Nessun commento:

Posta un commento