giovedì 26 luglio 2012

"Mordi e fuggi" letterario


Sono giorni di lettura libera questi. Le ferie si fanno anche così. Mi sono ripromesso che avrei sperimentato le gioie dell'abbondanza, del "mordi e fuggi" letterario. Complice il mio ereader, ho potuto dilettarmi in uno splendido slalom tra i libri. Decidere su quale fermarsi non è stato semplice. Più leggo e più cambio, divento sempre più esigente. Un tempo la trama era essenziale. Oggi lo è la bella scrittura. Difetto dell'età? E' che con le parole giuste si può leggere piacevolmente di un granello di sabbia, ma la cattiva scrittura non è in grado di attirare l'attenzione neppure parlando dell'intero universo.

Nessun commento:

Posta un commento