giovedì 14 luglio 2016

In bocca al lupo

03/07/2011

Per qualche settimana nel mio reparto ho affiancato, nella sua esperienza di studente infermiere, un ragazzo. Un futuro infermiere sicuramente ottimo, ma come lettore...Mi sono chiesto quali libri potrei consigliargli per fargli assaporare il piacere della lettura. A un giovane laureando I miei martedì col professore di Mitch Albom potrebbe essere adatto: non troppo voluminoso, diviso in capitoli brevi, con un linguaggio semplice e immediato e la narrazione scritta in prima persona. Ma forse è troppo stanco di sentir parlare di professori e università. Magari Il profeta di Kahlil Gibran potrebbe essere intrigante. O forse è troppo "pesante" per un ventenne non avezzo alla lettura. Che dire di stupirlo consigliandogli le poesie di Walt Whitman? No, no, troppo stupore. Un bel Come un romanzo di Daniel Pennac, dove sicuramente si ritroverà descritto potrebbe essere più adatto. Penso e ripenso. Dubito e penso ancora. E poi mi illumino. Giovane, sveglio, con la vita davanti, la passione per la Gazzetta dello sport e uno spiccato senso dell'umorismo. Caro Maurizio, anche per te un libro esiste: breve, diviso in piccoli racconti, molto umoristico e comunque di un grande autore. E' Bar sport di Stefano Benni. Con questo consiglio, il mio In bocca al lupo a te.

Nessun commento:

Posta un commento