martedì 14 giugno 2016

Lettori, comunità errante.

10 gennaio 2011

Nella mia vita non ho mai abbandonato i libri. Nonostante i figli piccoli, il lavoro e altri impegni, entrando in una libreria mi sentivo sempre a mio agio, felice di essere lì. Quando ho deciso di studiare lettere, tra mille peripezie partecipavo alle lezioni, e ricordo ancora le sensazioni provate. Mi sentivo parte di una comunità, di un popolo errante che trovava la propria terra promessa ovunque ci fossero libri e altre persone disposte a condividerne le idee. Il primo anno le aule erano gremite, ma mi sembrava che il professore parlasse proprio a me, che mi accompagnasse per mano nell'inferno di Dante, nella mente tormentata di Petrarca e tra i personaggi fantasiosi e reali del Boccaccio. "Chi come voi studia lettere dovrebbe avere tra i suoi libri questi autori, non può farne a meno" esortava il professore. E quelle parole mi facevano sentire parte di quel mondo che mi si apriva sorprendentemente davanti. Correvo ad acquistare i libri che indicava, passaporto necessario per entrare a far parte di quel popolo errante a cui ormai appartenevo più che ad ogni altro. Oggi quelle sensazioni continuano a far parte della mia vita e sento che sono alla base dell'attività che svolgo. Quando quest'estate Gianrico Carofiglio venne a Verona per una conferenza all'università, una professoressa mi disse che per quell'occasione aveva letto alcuni suoi libri e mi invitò a fare altrettanto. Ero preso da mille altre cose e misi da parte quel proposito. In questi giorni una signora che faceva assistenza al padre in ospedale teneva tra le mani l'ultimo libro di Carofiglio e io ne chiesi l'impressione. Quando ci si incontra tra membri della comunità di lettori, ci si intende subito: il libro aveva degli spunti interessanti, valeva la pena leggerlo. Ieri, in uno dei nostri templi, una libreria, ci sono letteralmente sbattuto contro a quel libro: come facevo a non prenderlo? S'intitola "La manomissione delle Parole". Ho letto le prime pagine e ne sono già innamorato. Al prossimo corso di Biblioterapia ne proporrò sicuramente qualche brano. E' così che un biblioterapista lavora: pensando in ogni momento ai suoi libri e a quello che potrebbero dare e dire. E se riuscirò a far sentire questo senso di appartenenza anche ai partecipanti dei miei corsi, allora la Biblioterapia potrà trovare un terreno sicuramente fertile.

2 commenti:

  1. Io l'ho prenotato in biblioteca qui a Lugagnano,
    spero arrivi presto.

    RispondiElimina
  2. L'ho letto "finalmente"...

    Devo purtroppo dire che ha travisato le mie aspettative, e alla grande!!!

    Mi aspettavo un "saggio" di cultura generale, o come sia degradata la cultura moderna "Post-Comunista", anche post-ideologie di estrema destra;

    Invece ho dovuto sorbirmi una somma di argomentazioni, (+ o - logiche) Contro lo Spettro Berlusconi e SOLO contro di lui...
    Che abbia le sue colpe ci credo eccome, ma questo libro è l'ennesima riprova dei "Processi Sommari" a mezzo Stampa di cui siamo oramai nauseati in Italia.

    Delle "Dittature Comuniste" del Secolo Scorso, manco una parola.

    Premetto che io disprezzo il Berlusca, per quello che è ed è diventato, non solo da quando è in Politica, ma anche da come ha costruito le sue "Fortune"...

    Il "Carofiglio di.....Vendola", è l'ennesima riprova di come la Penna sia usata ad "Arma Letale", irresponsabilmente ed impunemente...

    Certo questa è democrazia, però dei danni che causano questi "pseudo scrittori liberalisti"; essi non vengono mai chiamati a riparare... e con la catalessi delle coscienze a cui mira la loro penna avvelenata, vogliono far pensare la "Gente" come "l'Ideologia Comunista Italiana" professa dal '68 ad oggi, e cioè che "loro" sono i depositari della "Verità" e dell'"Onestà"... Che il "posto fisso" è un "Diritto" (anche se non ci sono i meriti) e che il "Dovere" e le "Responsabilità", l' "Etica e la Morale", Non devono essere limitazioni del "Vivere Civile"!!!

    Del "Degrado" Civile e Morale in cui siamo costretti a vivere oggi, questi "Pseudo Moralisti", manipolando le Ns. Coscienze, cercano di convincere gli Italiani incolpando la Destra e su tutti Berlusconi... ma la Realtà è un'altra, stiamo raccogliendo i "Frutti" del Terrorismo Brigatista ovviamente "Rosso"!!!

    RispondiElimina