Cos'è la Biblioterapia


COS'E' LA BIBLIOTERAPIA
La Biblioterapia è un percorso che permette di ottenere un benessere interiore e un'occasione di crescita  attraverso l'uso della letteratura. 

COME SI SVOLGONO I GRUPPI DI BIBLIOTERAPIA
In questi gruppi si leggono dei racconti, si parla delle vite degli autori, si utilizzano poesie, lettere, diari, aforismi e altro ancora. Sono lezioni interattive, ognuno interviene con la propria opinione e le proprie idee:
perché il protagonista si è comportato in quel modo? Come giudicate il suo comportamento? Secondo la vostra opinione cosa avrebbe potuto fare di diverso per evitare quella situazione?
Nessuno è obbligato a parlare della propria vita, ma se qualcuno desidera un momento di condivisione lo può trovare. Accade spesso infatti che le persone si identifichino nei presonaggi e sentano il bisongo di condividere la propria espereinza con i membri del gruppo.
Due precisazioni:
1. non servono particolari competenze scolastiche per partecipare agli incontri di Biblioterapia. E' sufficiente essere interessati. Chi è già un lettore, porterà la propria esperienza, i propri autori e libri amati, senza preconcetti. Chi non è abituato a tuffarsi tra le pagine dei libri avrà l'occasione di esplorare questo mondo aperto a tutti.
2. la Biblioterapia da me praticata è quella che possiamo chiamare letteraria e non ha nulla a che fare con la psicoanalisi o con tecniche affini. Quindi non può sostituirle. La Biblioterapia Letteraria è un modo diverso per guardare a se stessi e alle situazioni che si stanno vivendo, provando a individuare possibili soluzioni. Nei gruppi che tengo do ampio spazio alla creatività che deriva dalla lettura e di tutte le attività ad essa collegate.


STORIA
Il termine Biblioterapia è stato coniato nel 1916 da Samuel Crothers quando parlò in un articolo del potere curativo dei libri.
Negli anni Trenta Karl e William Menninger, della famosa Clinica Psichiatrica Menninger, promosse l’uso dei libri per pazienti con lievi nevrosi o problemi di alcolismo, o come supporto per i parenti dei pazienti o per i genitori dei bambini. Negli Stati Uniti i veterani della prima e della seconda guerra mondiale vennero trattati con la Biblioterapia per superare lo shock di ciò che avevano visto e delle menomazioni subite. Nel 1980 fu offerto il primo corso di Biblioterapia al Villanova University’s Graduate School of Library Science.
Ma se la Biblioterapia come disciplina è di recente nascita, i meccanismi e le funzioni che stanno alla base sono molto più antichi. E’ dalla Poetica di Aristotele che possiamo trarre i fondamenti della Biblioterapia, e più precisamente dal meccanismo di catarsi che scaturisce dalla visione del Teatro. Nel medioevo la Letteratura del conforto rappresentava uno specifico tipo di libro destinato ad alleviare le pene e traeva origine da una più antica letteratura che affondava le origini nell’antichità.

DEFINIZIONE
Oggi parlare di Biblioterapia è molto più complesso rispetto alla teoria chiara e lineare che Aristotele indicava. La Biblioterapia è stata definita in vari modi. Eccone alcuni dati da diversi studiosi:
…una famiglia di tecniche per strutturare l’interazione tra il facilitatore e un partecipante basato su la comune condivisione della letteratura;
Biblioterapia è uno strumento che puo essere usato per promuovere la salute attraverso i libri;
Biblioterapia è il processo di crescita verso uno stato di buona salute emotivo attraverso la mediazione della letteratura;
…l’uso dei libri per aiutare le persone a risolvere i problemi.

MECCANISMI
E’ la Poetica di Aristotele a indicarci il motivo per cui ci si sente così coinvolti di fronte a una situazione inventata. E’ la catarsi, quello stato in cui chi assiste ad una rappresentazione teatrale si ritrova, con sensazioni, emozioni, pensieri che modificano il suo stato iniziale.  Aristotele intende per catarsi una specie di purificazione, uno stato rinnovato dopo essere stati  immersi nella visione di una tragedia. Nel nostro caso accade dopo aver letto un libro, averne parlato, averlo condiviso.
Shrodes, un pioniere della Biblioterapia, creò un modello psicodinamico del processo biblioterapeutico che constava di tre fasi: identificazione, catarsi, interiorizzazione. Questo modello è ancora considerato valido, tenendo sempre in considerazione l’individualità della reazione alla lettura.

STORIA DELLA BIBLIOTERAPIA

6 commenti:

  1. tra i tanti testi internazionali di biblioterapia che portano alla riduzione della tensione da stress c'è anche un recente testo di auto-aiuto per la crescita personale intitolato >Il manuale pratico del benessere (Ipertesto editore con il patrocinio del club UNESCO): si tratta di un testo di 44 capitoli nato proprio come biblioterapia psicoterapeutica con esercitazioni pratiche e consigli psicologici per aiutare il lettore a combattere gli eventi stressanti prima che questi possano danneggiare il suo equilibrio emozionale.

    RispondiElimina
  2. Non conosco il testo, ma grazie del suggerimento.

    RispondiElimina
  3. È molto interessante questo blog, grazie :)
    L'ho appena citato nel mio ultimo post come fonte riguardo la biblioterapia.
    Non è che si trovi tanto in giro sull'argomento, e la cosa mi stupisce perché è un tema molto affascinante... vecchio di millenni eppure nuovo e originale.
    Ma esistono delle scuole o dei corsi per studiare biblioterapia?

    RispondiElimina
  4. Grazie Marina!
    Effettivamente in Italia è poco sviluppata la biblioterapia come disciplina codificata e studiata. Si
    preferisce utilizzare il termine per indicare il generico aiuto che viene dai libri, mentre esiste una
    lunga tradizione di origine statunitense e britannica da cui attingere. In Italia sono soprattutto gli
    psicologi ad utilizzare la biblioterapia, ma si sta diffondendo anche in altri campi e forme. Corsi
    professionalizzanti in Italia sono rari e non sempre sono all'altezza. So che la dott.ssa Rosa
    Mininno, che lavora sul sito biblioterapia.it, è attiva da diversi anni, ma la sua formazione di
    base è psicologica, anche se sta allargando la sua esperienza. Io tengo corsi che riguardano la
    biblioterapia dello sviluppo di diverso i cui calendari aggiorno sul blog. Terrò un workshop a
    Udine in ottobre destinata a educatori, bibliotecari, infermieri e operatori sociali, mentre a
    Lugagnano di Sona (VR) terrò dal nove ottobre un corso di biblioterapia composto da dieci
    incontri (la prossima settimana pubblicherò sul blog il programma). Si tratta di un laboratorio per
    quanti vogliono utilizzare i libri nella propria vita: si legge, si discute, si creano nuove idee.
    Se guardi nel blog in "utilità" potrai trovare alcuni articoli che potrebbero esserti utili. Spero che
    queste notizie possano esserti utili.

    RispondiElimina
  5. Sì, utilissime :)
    Peccato non essere nei paraggi per venire ai tuoi corsi, mi accontenterò degli articoli per ora.
    Grazie delle informazioni!

    RispondiElimina