venerdì 24 novembre 2017

Medicus (9--)

Noah Gordon è un autore ormai novantenne che si gode i frutti di un lungo lavoro di successo. Ha creato una trilogia unica nel suo genere, ovvero la Trilogia della famiglia Cole di cui Medicus è il primo volume. Gli altri due sono Lo sciamano e L'eredità dello sciamano. Genere unico, dicevo, intendendo il fatto che la storicità dell'argomento, oltre che riguardante l'ambientazione, vede protagonista la medicina. 
In Medicus troviamo il capostipite della famiglia Cole, un ragazzino rimasto orfano che vive nel Medioevo inglese e che viene affidato a un cerusico, per poi andare in Persia e diventare medico. La descrizione degli usi e dei costumi del tempo è allo stesso livello delle descrizioni della medicina. Gordon non ha la pretesa di scrivere un trattato di Storia della medicina, ma l'efficacia del testo non è dissimile. Il volume è corposo, composto nell'edizione della BUR da 672 pagine. Eppure, solo in poche parti le descrizioni diventano prolisse. Il ritmo è piuttosto lento, ma non lascia spazio alla noia. Veder crescere davanti ai propri occhi il giovane Rob è davvero coinvolgente.

Consigliato agli appassionati del romanzo storico e per i curiosi delle vecchie tecniche di medicina

Nessun commento:

Posta un commento