martedì 10 gennaio 2017

La lettura ci salverà

Nella tanto criticata Napoli esiste da tempo un progetto che, grazie al contributo del dottor Paolo Siani, presidente dell’ Associazione Culturale Pediatri (ACP) e direttore dell'UO complessa di Pediatria del Santobono di Napoli, l'ospedale pediatrico più grande del Sud Italia,  e con l'aiuto di Nati per Leggere (NpL), si è avviata un'attività permanente di lettura destinata ai piccoli ricoverati, per poi trasformarla in abitudine all'ascolto della lettura a voce altra presso il Punto.Lettura Nati per Leggere che svolge dal 2012 attività legate ai libri come mezzo di prevenzione dei disagi sociali. E' anche stato organizzato un bus per rendere possibile la partecipazione dei bambini abitanti in zone periferiche e spesso disagiate.
Trovo che la consapevolezza di quanto siano importanti i libri come fonte di cambiamento, di miglioramento, sia una risorsa da coltivare, per favorire la realizzazione di progetti concreti da rendere permanenti, come questo. E' vero: i bambini si lasciano trascinare più facilmente dei grandi nel mondo dei libri. Loro nelle storie che ascoltano si identificano e le amano davvero. Forse per questo le iniziative destinate all'infanzia superano di gran lunga quelle destinate agli adulti. Ma perché non provarci un po' di più anche con loro? Se trovassimo più spesso il bambino che è in noi non potremmo che trarne vantaggio.

Nessun commento:

Posta un commento