martedì 11 novembre 2014

I lettori sono dei guerrieri




Leggere non è solo piacere. La mia coscienza politica e sociale nasce anch'essa dai libri. Non c'è telegiornale che li possa sostituire. È da questa consapevolezza che nasce la stima che provo per Roberto Saviano e i suoi libri. La sua vicenda è emblematica, ma quanti sono gli scrittori d'inchiesta che vengono minacciati? Se ne parla poco, eppure i casi non sono così isolati. Non sono in grado di giudicare l'esito del processo celebrato oggi, che vedeva imputati coloro che hanno minacciato Saviano. Ma non ho dubbi sull'importanza di non lasciare soli personaggi come lui. Per coloro che non hanno la sua visibilità mediatica, con la nostra lettura possiamo contribuire a non rendere vano il loro lavoro. E a farli sentire meno soli.

Nessun commento:

Posta un commento