venerdì 17 ottobre 2014

Mandami tanta vita (7)







Finito! "Mandami tanta vita" di Paolo di Paolo è stata una lettura interessante, anche se le eccessive aspettative hanno compromesso il mio giudizio finale. Non c'è che dire: la sua scrittura è certamente ben curata, però non apprezzabile da tutti perché elaborata e non lineare. Il personaggio di Piero Gobetti mi è piaciuto davvero molto. Credo che il tentativo dello scrittore di tracciarne un profilo psicologico e personale sia ben riuscito. Non ho gradito affatto però la presenza di Moraldo, vita parallela accanto a quella del giovane intellettuale, espediente letterario già noto e gradevole, che non ho saputo apprezzare. Mi infastidiva la sua presenza, oltreché la sua insensatezza, calcata, penso, proprio per sottolineare la diversità e la grandezza del suo illustre coetaneo.
"Mandami tanta vita" è un libro che credo sia apprezzato non da tantissimi. È necessario sentire la presenza della verità storica, pur nella finzione letteraria, e non lasciarsi scoraggiare dalla scrittura non semplicissima. Direi che Paolo di Paolo rappresenta quel tipo di scrittore che offre libri alternativi, ben distaccati dalla letteratura di genere e seriale, spesso sperimentatori di nuovi modi di scrivere.
Sono queste indicazioni utili nella consapevolezza che i libri sono come il cibo: bisogna variare. Di scrittori capaci non c'è n'è mai abbastanza.

Nessun commento:

Posta un commento