martedì 24 giugno 2014

Nuove copertine, vecchio Harry Potter




È uscita da poco la nuova edizione di Harry Potter, con copertine rifatte e apprezzate dalla Rowling stessa. Un modo per ridare lustro all'intramontabile eroe. Peccato che anche in questi volumi ci sarà la traduzione di Stefano Bartegazzi, ottima e ragionata, grazie anche al gruppo di lavoro fondato dalla Salani per aiutare il traduttore nel suo difficile lavoro. Come ho avuto modo più volte di affermare la traduzione di Bartegazzi non è quella che amo. Amo la seconda, quella di Astrologa e Masini, non tanto per l'accuratezza del lavoro svolto, che comunque c'è stato, ma per l'affetto che mi lega alla mia prima conoscenza di Harry. E' per questo che quando è uscito per la prima volta l'edizione di Bartegazzi (condannato a delle copertine orrende, oggi riscattato) ho acquistato i libri nella traduzione amata, dato che i libri letti la prima volta li avevo presi in biblioteca. Ho pensato: e se tra trent'anni non trovassi il testo amato? La copertina può cambiare, il testo no! Lo so: sono manie da bibliofolli, ma va bene così.

Nessun commento:

Posta un commento