domenica 9 marzo 2014

"Braccialetti rossi" ovvero "Il mondo giallo"




Albert Espinosa è uno scrittor, sceneggiatore e regista catalano che dai quattordici ai ventiquattro è stato ammalato di tumore, guarendo dopo l'amputazione di una gamba, di un polmone e parte del fegato. Nel suo libro dal titolo "Il mondo giallo" racconta, in modo ottimistico, cosa gli ha insegnato l'esperienza della malattia. Dal suo testo Steven Spielberg ha tratto una serie tv che è stata riproposta, in versione italiana: "Braccialetti rossi". Lo stesso titolo è stato dato alla stampa italiana del libro. Non è possibile restare indifferenti a quanto scrive Espinosa. Dalla sua esperienza certamente si possono trarre grandi insegnamenti. Tuttavia non credo possa essere considerato un capolavoro letterario. La scrittura è poco articolata, il ritmo è incalzante, ma la parola fatica a trasmettere forza. Certamente vale la pena leggerlo per trovare un modo differente di osservare quanto ci accade. Ma se cercate un libro che vi lasci senza fiato, credo dobbiate cercare altrove.

1 commento:

  1. Ciao Marco, quando si dice il caso... Volevo proprio chiederti cosa ne pensavi di questo libro! un mio giovane paziente lo stava leggendo settimana scorsa e non mi sembrava molto entusiasta.. io non l'ho ancora letto ma conosco l'autore, Espinosa. Di lui ho letto "Se mi chiami mollo tutto.. però chiamami". Perché non provi? Dovrebbe essere già sul tuo e-reader... ;-) Marty

    RispondiElimina