mercoledì 31 luglio 2013

Idee per la diffusione per la lettura: siamo in Italia




Notizie dalla Calabria: a ogni nuovo nato sarà regalato un libro. Queste sono notizie che gradisco. Fino a un certo punto. Lo scopo e' quello di diffondere la lettura? Temo che sia un tentativo maldestro. C'è chi arriva a dire che la diffusione capillare dei festival letterari e culturali, che in Italia stanno aumentando, siano altrettanto inefficaci. Dove sta la verità? È quale può essere il modo giusto per diffondere l'amore per la lettura? Credo che il problema sia quello che affligge l'Italia in ogni suo campo: chi progetta e realizza certe iniziative spesso non è uno che lavora sul campo. Lo scollamento tra teoria e pratica è spesso incolmabile. E se chiedessimo a bibliotecari, insegnanti, operatori culturali e ai lettori già appassionati? Sono convinto che ci stupiremmo di quante idee sarebbero capaci. E forse ci stupiremmo ancor di più vedendo che il budget sarebbe rispettato, come e meglio se fossero i tecnici a gestirlo. Non dubito che in alcuni meravigliosi casi accada già. Ma siamo in Italia...

Nessun commento:

Posta un commento