lunedì 12 novembre 2012

Penna al chiodo




Seppure l'annuncio risalga a un mese fa, solo oggi la notizia circola con un certo allarme: Philip Roth non scriverà più.
Ci sarà chi dice "purtroppo" chi "per fortuna". Comunque la si pensi, abbiamo la consapevolezza che una parte importante della letteratura contemporanea ci abbandona. Ciò che più ci mancherà è la sua esperienza. Un uomo di 79 anni ha attraversato buona parte del Novecento e di esso detiene molti segreti di vita vissuta, e solo uno scrittore esperto come lui potrebbe restituircela nella giusta luce. Ma già tanto abbiamo avuto. Ma se questo abbandono è il rifiuto di darsi come prestanome per un circuito commerciale, forse questo addio non è così doloroso.

Nessun commento:

Posta un commento