mercoledì 4 luglio 2012

Mi chiamo chuck, ho diciassette anni e, stando a widipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo

Questo lungo titolo appartiene al libro di Aaron Karo, autore di bestseller dalla vena graffiante e sfacciata. Ma qui non si tratta solo di umorismo. Consigliato da Ketty, la mia amica di letture, l'ho preso oggi e già iniziato. Lo trovo interessante e utile. Molti ragazzi si sentono soli nelle proprie stranezze. Chuck tiene il conto di tutte le pippe che si fa, si sente sfigato e ha qualche mania di troppo. E' un soggetto in cui molti adolescenti si possono specchiare, aumentando il proprio senso di condivisione. E certamente molti adulti potranno ricordare di se stessi. Così magari comprenderanno un pò di più le necessità e le difficoltà dei propri figli.

2 commenti:

  1. Questo libro ha incuriosito anche me e, da prof, credo che l'unico modo di creare un contatto con gli adolescenti sia interessarsi al loro mondo. Ben vengano i libri che fanno sentire questi adolescenti parte di un insieme più grande, sono molto soli i ragazzi d'oggi.

    RispondiElimina
  2. Un libro dove ognuno di noi si può immedesimare in qualcosa...c'è un po' di Chuck in tutti noi. Ketty

    RispondiElimina