mercoledì 13 giugno 2012

La cultura può salvarci il cuore

Questo titolo sembra fatto apposta per me. Lavoro in cardiologia e mi occupo anche di libri, creando un binomio insolito. Per questo trovando l'articolo (qui) tratto dal corriere.it a riguardo sono subito stato interessato. L'argomento è un pò troppo generale e sarebbe interessante studiarlo in modo più specifico perché dire che chi ha più istruzione ha meno fattori di rischio innesca una certa curiosità:
che cosa hanno studiato i meno a rischio? Sono più protetti quelli che si occupano di materie scientifiche o umanistiche? Lo studio è legato alla professione o alla cultura in sé? Tante altre le curiosità, ma una sola certezza:
conoscere non ha fatto male a nessuno.Quindi, benvenuto studio.

1 commento:

  1. Tesi interessante...
    Mah, il sapere può essere lo strumento per fare scelte consapevoli, quindi potrebbe magari evitare rabbia, frustrazione, sensi di colpa, incomprensioni. Tuttavia, la conoscenza resta uno strumento, dipende da come lo si usa

    RispondiElimina