giovedì 12 aprile 2012

Racconti sulla schiena

Alla fantasia letteraria non c'è limite. Lo dimostra Simone Jacobs, ventunenne editore della rivista per microracconti Safety Pin Review, creando un modo originale per diffondere maggiormente queste piccole opere: applicarle alla schiena. Scrive a mano il testo su della stoffa, lo invia a dei volontari che per una settimana circolano con questi racconti brevissimi appiccicati sul giubbotto o sulla maglia. E' inevitabile che entrino nel campo visivo delle persone. E' inevitabile che la curiosità abbia la meglio, inducendo alla lettura di quelle poche righe. I racconti avranno successo? Forse no, ma la visibilità è garantita. Noi siamo in Italia e la notizia arriva da Seattle. Se non è successo questo...

4 commenti:

  1. Salve Marco. L'idea del racconto sulla schiena è semplicemente fantastica. Vorrei sapere se è possibile contattarti. Io sto per avviare una piccola casa editrice digitale che pubblicherà il disagio scritto da chi il disagio lo vive. Autori svantaggiati (anziani, disabili, ragazzi di II generazione, over 50 disoccupati). Insomma anche i nuovi poveri, persone che da "normali" sono diventate o stanno diventando "povere", una condizione assurda che vivo io stessa sulla mia pelle. Devo dire che sto incontrando infinite difficoltà, soprattutto da parte delle istituzioni che non ti danno il minimo sostegno anzi....se possono ti danno un calcio sulla testa per spingerti ancora più a fondo. Ma comq, io ho inserito il mio progetto su un sito di sottoscrizione popolare e tramite questo ho raccolto un pò di soldi. Pochi per la verità e con questi sto cercando di far quadrare i conti per cominciare. Ho del materiale che potrei già mettere a catalogo. Ti chiederai perché ti dico queste cose. Perché mi piacerebbe avere uno scambio di ospitalità con il tuo blog che trovo molto bello. Vorrei sapere se posso inserirlo sul mio blog (spero di avere un sito al più presto) e se tu puoi inserire il mio blog sul tuo. Il mio si chiama officineditoriali.com. Io ti seguo. Fammi sapere se sei d'accordo. Grazie mille. Mara Pantanella.

    RispondiElimina
  2. Ho visitato il tuo sito e l'idea mi sembra davvero buona. Ne parlerò nel prossimo post e sarò lieto di inserirlo nell'elenco di LETTERATURA E DINTORNI.

    RispondiElimina
  3. Ho visitato il tuo sito e l'idea mi sembra davvero buona. Ne parlerò nel prossimo post e sarò lieto di inserirlo nell'elenco di LETTERATURA E DINTORNI.

    RispondiElimina
  4. Anche qui capita di vedere magliette con frasi o pezzi di racconti. E' un'idea molto graziosa e, considerato che suscita la curiosità di tanti, mi fa pensare che, in fondo, tutti abbiamo bisogno di leggere, di trovare scritte nero su bianco parole che ci appartengono, descrivono, guidano, che ci chiamano.

    RispondiElimina