mercoledì 1 febbraio 2012

Svelando I Segreti del Signore degli Anelli

Lunedì 30 gennaio si è tenuta la prima serata su I Segreti del Signore degli Anelli, io ai testi ed Emiliano Martinelli all'arpa. A posteriori, dovendolo definire l'evento, potrei considerarlo un laboratorio, una vera fucina culturale in cui le persone hanno messo ciò che per loro i libri di Tolkien significano. Mi sono limitato a fare da filo conduttore, tutto il resto è nato dalla partecipazione attiva dei presenti. Questo mi dà grande soddisfazione, lo confesso. E' l'obiettivo del mio lavoro: adoperare i libri quasi fossero uno strumento vivo, attivo. E condividere. Ho una certezza: se la stessa identica situazione la ricreassi con altre persone, il risultato sarebbe diverso. Biblioterapia è questo: i libri attraverso i quali esprimere la creativa e l'originalità della persona. Immaginate che grandi cose sarebbero possibili dal punto di vista didattico se fosse applicata nelle scuole, nelle case di riposo, nei circoli ricreativi. E perché no, negli ospedali.

Nessun commento:

Posta un commento